7 commenti

  1. la sfida maggiore della tua e della mia situazione è giocare il meno possibile con quella linea che separa in modo fosco la libertà dall'anarchia

  2. Mi e' piaciuto molto questo post. E ottima qualita' della scrittura! 🙂
    Mi hai fatto venire voglia di tornare a Chiang Mai (come se non ce l'avessi gia'). Prima o poi ci ritorno, forse ci si becca da quelle parti. 🙂
    Ma dove si trova quella sconosciuta biblioteca francese?

  3. Anonimo

    Ciao Carissima Simona! Hai scritto molto bene delle cose molto interessanti su cui riflettere. In bocca al lupo. Stefano Accetta

  4. Tornare a scrivere era uno degli scopi di questa nuova avventura, perciò i tuoi complimenti sono particolarmente preziosi: grazie!

    Per quanto riguarda la biblioteca, ho fatto solenne promessa di non divulgare l'informazione di questo gioiello per evitare che venga presa d'assalto, gran parte della sua bellezza è proprio nella sua quiete.. ma magari se torni qui te lo sussurro in un orecchio, proprio perché sei tu 😉

  5. Kikkolen adesso sento invidia costruttiva nei tuoi confronti. Invidia perchè anche io vorrei cambiare la mia vita allo stesso modo e non l'ho fatto ancora. Costruttiva perchè la tua testimonianza avvicina la data della mia partenza. Grazie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *